Lo stile preppy è la quintessenza dell’eleganza sportiva. La culla di questa tendenza è l’America, o meglio: il suo ambiente studentesco. Torniamo agli anni ‘30 del XX secolo. Allora i membri della confraternita elitaria Ivy League (Lega dell’Edera) hanno iniziato a concepire il proprio (perfettamente accurato!) stile. Semplice e sobrio. Prenditi un attimo per scoprire di più!

I blazer, i pantaloncini chino e i mocassini – sono alcuni dei tanti elementi del guardaroba di uno studente medio di Harvard. Cos’altro distingue lo stile preppy?

Preppy style: perché conta la qualità!

Lo stile preppy, anche se da alcuni associato allo snobismo, si è guadagnato molti seguaci. Poiché suggeriva non solo come vestirsi, ma anche come comportarsi. Negli anni ‘80 è stato scritto anche il libro − The Official Preppy Handbook, che nonostante sia sprezzante, è diventato una vera guida sulla moda dei “bravi ragazzi”. Nello stile preppy non c’è posto per la casualità – conta ogni, anche il più piccolo dettaglio. È – si potrebbe dire – la moda per la perfezione!

Il preppy style, che si rifà ai popolari sport accademici (tennis, vela, golf, polo o scherma), è un’ispirazione per molti brand contemporanei, come ad es. Tommy Hilfiger o Lacoste.

Il guardaroba in stile preppy

Ti piace quando tutto funziona come un orologio svizzero? In tal caso, il preppy look sarà sicuramente di tuo gradimento! Ed io ti dirò cosa dovresti avere nell’armadio per apparire come se fossi uscito da un campus universitario. Riguardo l’abbigliamento, punta su: tailleur e blazer in tweed, pullover a maglia con scollo a V e smanicati, tutti i tipi di camicie (tra cui le polo), pantaloni a pieghe e chinos, giacche trapuntate “husky” e cappotti montgomery. Invece nel caso di scarpe, su: mocassini, oxford − ad es. marca Gino Rossi e semplici scarpe da ginnastica bianche. Non meno importanti sono gli accessori, tra cui si possono distinguere tra gli altri la cravatta (e il papillon!) e la coppola.

1419

Eleganti scarpe in pelle (per lo più marroni) sono un elemento fondamentale dello stile preppy.

Se ti stai chiedendo se esiste lo stile preppy al femminile, rispondo – certamente! Oltre agli elementi del guardaroba già menzionati, è dominato anche da vestitini da tennis e gonne a trapezio, da classici pullover, trench e cardigan, da calze parigine, e come scarpe ballerine e décolleté verniciate. Cerca di ricordare il personaggio di Cher Horowitz nel film „Ragazze a Beverly Hills ”, così capirai meglio di cosa si tratta:

Moderazione! Colori e design in stile preppy

Il blu scuro, il bianco e il beige – sono i colori tipici dello stile da college. Spesso vengono usati anche: il verde bottiglia, il giallo senape, il rosso e l’arancione. L’importante è di combinarli abilmente; l’outfit in stile preppy non dovrebbe “gridare”. Per quanto riguarda i pattern sono particolarmente popolari i rombi, le righe, i pois, le strisce da tennis e i quadri scozzesi.

Il consiglio dello stilista:

Il preppy style si manifesta non solo nell’abbigliamento, ma anche nell’acconciatura e nel trucco. I capelli di solito sono sciolti oppure raccolti in un chignon french style. Invece il make-up – no make-up. Conta la naturalezza!

Anche la duchessa Kate adora il preppy style:

In questa stagione punta sull’eleganza sportiva. Gli outfit accademici sono ideali non solo in università, ma anche in ufficio o durante un incontro con gli amici. Ispirati allo stile preppy e… mira alla perfezione!

Per poterti fare un’idea generale sulla moda, ti consiglio gli articoli delle mie colleghe riguardo gli altri (non meno interessanti!) stili:  “Per cosa amerai il trend athleisure?” e “Skate style al femminile – libertà e fascino”.

Autore

Agnieszka Bednarek

Sono un'esteta, l'entusiasta di abbinamenti non convenzionali e delle Dr. Martens. Credo, come Salvador Dali, che la base di ogni successo è il vestito. Nella vita privata esploro i segreti del cucito e dell'artigianato. Definisco ciò che è indefinito.

Il testo originale dell'articolo è stato tradotto e adattato alla versione italiana del blog escarpe.it da Maja Sobon.