Il mercato calzaturiero è pieno zeppo. Compaiono imitazioni e imitazioni delle imitazioni. In tanti (quindi forse anche tu!) si chiedono come è possibile riconoscere le scarpe buone. Se un marchio famoso è sinonimo di qualità, o magari l’indicatore principale è il prezzo? Le risposte a queste domande e ad altre simili troverai nel seguente articolo!

Come disse la stilista britannica Vivienne Westwood – „compra meno, scegli meglio”. Scopri come scegliere le calzature che dureranno anni!

Come riconoscere scarpe di qualità?

Per dirla in modo scherzoso, attiva il sesto senso e assumi il ruolo di investigatore. Conosci l’ideologia del brand e le opinioni di coloro che hanno già fatto l’acquisto. Come Sherlock Holmes, cerca di notare se la scarpa non ha residui di colla o cuciture irregolari con dei fili staccati. Ecco, prima di eseguire il verdetto finale – verifica tutte le prove circostanziali!

Ci sono materiali e materiali

Come ben saprai, la pelle vera è più resistente e garantisce una traspirabilità migliore del suo equivalente eco. I modelli realizzati in pelle di vitello o – un po’ peggiore − bovina, sono meno esposti alla deformazione e all’usura di quelli fatti in materiali sintetici. L’idea di base è semplice – più elementi in pelle ci sono nella scarpa, meglio è. E non intendo solo la tomaia, ma anche la suola e l’intersuola. Spesso – sulle calzature o sulla confezione – sono presenti le etichette con dei simboli che indicano quali componenti della scarpa sono di pelle.

6406

Le scarpe di pelle vera sono non solo resistenti, ma anche estetiche.

Lo sai che…?

Le scarpe più pregiate vengono realizzate in culatta di cavallo, il cosiddetto cordovan.

La pelle vera, soprattutto sulla parte esteriore della scarpa, dovrebbe essere libera da imperfezioni e difetti (escludendo ovviamente l’invecchiamento intenzionale del prodotto). In più, assorbe i prodotti per la manutenzione molto meglio dei suoi equivalenti eco.

6407

Se vuoi che le scarpe mantengano la profondità del colore e la freschezza, utilizza i prodotti dedicati alla loro cura.

Cucita o incollata? Bella domanda!

Senza dubbio – cucita! Non solo è più resistente ed estetica, ma è anche possibile rifare la cucitura. Purtroppo, nell’era della sovrapproduzione è sempre più difficile trovare “una scarpa come si deve”. I produttori rinunciano di cucire la tomaia alla suola, optando per una soluzione più veloce e più economica, ovvero l’incollaggio. Se sei interessato/a all’acquisto di calzature cucite – controlla la rifinitura e la regolarità delle cuciture, invece scegliendo un modello incollato, fai attenzione se non ci siano difetti o l’eccesso di sostanza legante. Guardando un determinato paio, osserva anche se entrambi i modelli di scarpe sono simmetrici (puoi confrontarle allineando le suole).

6408

Come scegliere le scarpe buone? Prima controlla i parametri dettagliati di un determinato modello.

Un marchio rinomato è sinonimo di qualità?

Non per forza! Anche i giganti delle calzature possono avere intoppi. Per cui, scegliendo le scarpe, sii un critico severo. Leggi le opinioni di altri clienti e verifica da quanto tempo il brand è presente sul mercato. Tanti consigli preziosi troverai in una delle categorie del nostro blog: Consigli.

Come riconoscere le scarpe di qualità? Si sa che la qualità costa. Però anche qui non c’è una regola! Certo, di solito le scarpe buone sono costose (min. 100€), ma anche i modelli scarsi riescono a costare tanto. Dunque, il prezzo è solo un suggerimento, non un fattore determinante!

Come riconoscere scarpe di alta qualità?

Oltre alle questioni sopra indicate, presta attenzione al tipo di tacco (non dovrebbe essere del tutto pressofuso), e alla profilazione della soletta. Una perizia esperta sarà facilitata dall’articolo, in cui descriviamo dettagliatamente da cosa è composta una scarpa. Beh, adesso non mi resta altro che invitarti a fare shopping nel negozio online escarpe.it, dove troverai un vasto assortimento di calzature che ti terranno passo per molti anni!

Autore

Agnieszka Bednarek

Sono un'esteta, l'entusiasta di abbinamenti non convenzionali e delle Dr. Martens. Credo, come Salvador Dali, che la base di ogni successo è il vestito. Nella vita privata esploro i segreti del cucito e dell'artigianato. Definisco ciò che è indefinito.

Il testo originale dell'articolo è stato tradotto e adattato alla versione italiana del blog escarpe.it da Maja Sobon.

Questo sito utilizza i cookie per fornire i servizi di prima qualità. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire i servizi di prima qualità. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.

Chiudi