Esistono al mondo delle scarpe sulle quali si scrivono le canzoni, e rilasciare ogni nuova release accumula lunghissime file davanti agli store. Questa volta però non mi riferisco alle stiletto eleganti, ma alle già leggendarie sneakers – Nike Air Force 1. Hanno le loro origini a New York, sia sulle strade che sui campi da basket, e poco dopo tutto il mondo ha perso la testa per esse.

Cosa hanno in comune la cattedrale di Notre-Dame e l’aereo del presidente degli Stati Uniti? Entrambi questi elementi erano un’ispirazione per la nascita delle scarpe più famose al mondo.

Come sono nate le Nike Air Force 1?

Il primo paio di AF1 è andato in commercio nel 1982, e il suo stilista era Bruce Kilgore. Creando il prototipo delle scarpe, si ispirava… alla forma della cattedrale di Notre-Dame, anche se inizialmente doveva essere l’omino Michelin. Il nome Air Force One fa riferimento all’aereo, a bordo del quale si trova il presidente degli USA. Forse allora nessuno si aspettava che questa combinazione bizzarra sfocerà in un successo così grande, che durerà oltre tre decenni. E non sembra che questa situazione debba cambiare presto.

Le Nike Air Force 1 erano create per i giocatori di pallacanestro, erano le prime scarpe della serie Nike Basketball. Per primi ad indossarle sul campo erano Moses Malone, Mychal Thompson (il padre di Klay Thompson, che gioca attualmente nei Golden State Warriors), Bobby Jones, Calvin Natt, Jamaal Wilkes e Michael Cooper – i cosiddetti „the original six”. Le prime Air Force erano bianche con elementi grigi, e la loro caratteristica principale era la tomaia alta che arrivava sopra la caviglia e il cinturino che passava per la sua parte superiore – il cosiddetto Proprioceptive Belt. Le AF1 erano considerate le scarpe indistruttibili, che dovevano soddisfare le necessità dei cestisti che lamentavano la bassa qualità delle scarpe da basket.

Dai campi NBA alle strade di New York

Per la culla dei successi delle scarpe Nike Air Force 1 si considera la New York, e più precisamente – Harlem. È proprio la strada e i „block parties” – le feste organizzate non in casa, ma sui campi da basket – resero queste calzature celebri in tutto il mondo. Lì è nato lo stile streetwear, di cui uno degli elementi caratteristici erano le sneakers.

E dalla strada era un passo breve per la cultura hip-hop, di cui i rappresentanti non solo indossavano volentieri le Air Force, ma scrivevano anche le canzoni a loro riguardo. Come ad es. Nelly, che nel 2002 ha lanciato il brano „Air Force Ones”, che tutte le stazioni hanno rifiutato di trasmetterla, dicendo che è una pubblicità.

Invece, per il 25° anniversario del rilascio di sneakers leggendarie, hanno registrato il brano in loro merito KRS-One, Kanye West, Nas e Rakim. La canzone si intitola „Classic”, che probabilmente è il miglior termine per descrivere questo modello di scarpe.

Le scarpe Nike più vendute

Negli anni ‘90, quando sui campi NBA sono comparsi con queste scarpe Charles Barkley e Rasheed Wallace, le Nike Air Force 1 hanno iniziato a guadagnare popolarità anche dall’altra parte dell’Atlantico. Questo è solo uno dei fattori che ha reso queste scarpe uno dei modelli di sneakers più venduti nella storia. Secondo le statistiche rese disponibili nell’anno 2017, in occasione del 35° anniversario del modello AF1, la sua vendita ha dato alla Nike 28 miliardi di dollari.

Lo sai che…?

Per quasi quattro decenni sono state rilasciate sul mercato oltre 2 mila varianti delle Air Force 1.

Un incredibile hype è un conto, ma guardiamo queste scarpe dal lato pratico – dopo tutto è questo che conta nelle scarpe sportive. La comodità e l’ammortizzazione doveva essere assicurata dall’airbag inserito nella suola, invece la buona aderenza al pavimento – dalla suola in gomma. La tomaia in pelle, di cui erano dotate le prime Air Force in commercio, è a sua volta la garanzia della sostenibilità.

Non possiamo non menzionare le versioni speciali di questo modello. La più notevole era quella rilasciata nel 2007, per il 25° anniversario dell’esistenza di AF1. Erano cucite a mano in Italia e realizzate in pelle di coccodrillo o anaconda. Il prezzo di questo lusso è – la modica cifra – 2 mila dollari. Degna di nota è anche la collezione The Ten, cioè la collaborazione della Nike con lo stilista Virgil Abloh, il direttore della casa di moda Off-White, ma anche la cooperazione del produttore americano con il rapper Travis Scott.

Sei curiosa di come creare gli outfit con scarpe Nike da donna alte? Dai un’occhiata ad un altro articolo sul nostro blog.

Autore

Agnieszka Ślęzak

Anche se sembra che le Converse e i tacchi non vanno d'accordo, sono proprio questi tipi di scarpe che preferisco di più. Nel mio guardaroba prevale il nero spezzato con motivi floreali. Nella vita privata sono amante dello humour nero, degli animali e dei film di Quentin Tarantino.

Il testo originale dell'articolo è stato tradotto e adattato alla versione italiana del blog escarpe.it da Maja Sobon.