Tutti i principali marchi del settore fashion, sia italiani che stranieri, hanno le loro boutique a Milano. E questa città, insieme a New York, Londra e Parigi, vengono chiamate “Big Four” (Grandi Quattro). Scopri cosa fa sì che le trendsetter di tutto il mondo amino lo shopping a Milano e perché questo posto viene denominato la capitale della moda?

Scopri perché Milano è uno dei luoghi più importanti sulla mappa per gli amanti della moda.

La storia della moda italiana

Le sfilate di Milano riuniscono molti stilisti rispettati e quelli emergenti che vogliono presentare il loro lavoro al resto del mondo. Tuttavia, non è sempre stato così. Il design italiano, pur basandosi su materiali e tecniche di produzione di altissima qualità, era indietro rispetto a Parigi.

Tutto è cambiato dopo la seconda guerra mondiale, quando, grazie al sostegno finanziario degli Stati Uniti, l’industria tessile italiana ha avuto la possibilità di prosperare. In quel periodo, la stilista Schiaparelli (la più grande rivale di Coco Chanel) e la casa di moda italiana Sorelle Fontana hanno iniziato a vestire i più grandi nomi di Hollywood come Elizabeth Taylor, Audrey Hepburn e Grace Kelly.

La prima sfilata italiana di alta moda

Di anno in anno, il marchio “Made in Italy” stava guadagnando sempre più popolarità. E nel 1951 l’imprenditore italiano Giovanni Battista Giorgini organizzò la prima sfilata di moda in Italia. E, cosa interessante, non è avvenuto a Milano, ma a Firenze. I clienti americani erano rimasti molto entusiasti, e l’ulteriore supporto della redattrice Irene Brin, che pubblicizzava l’evento a livello internazionale, ha reso la moda italiana estremamente popolare.

9379

Milano Fashion Week

Con la diffusione della moda italiana, gli stilisti hanno desiderato presentare al mondo le proprie collezioni. Milano si rivelò il posto migliore per farlo, già nel 1958 vi si svolse la prima Settimana della Moda ufficiale. Oggi l’evento è organizzato dalla Camera Nazionale della Moda Italiana e si svolge due volte l’anno: in autunno-inverno (febbraio/marzo) e primavera-estate (settembre/ottobre).

Molti designer di fama mondiale provengono dall’Italia. Un esempio è Giorgio Armani, di cui leggerai di più nell’altro mio articolo.

Di certo conosci anche la casa di moda italiana Versace. Durante l’ultima Settimana della Moda di Milano, Jennifer Lopez ha presentato una versione rinnovata del famoso “jungle dress” Versace.

Lo sai che…?

L’industria della moda porta all’Italia quasi il 10% del PIL. Solo a Milano ci sono diverse scuole che insegnano ai giovani il design, la sartoria e la capacità di prevedere le tendenze.

Le vie colme di moda

Il luogo più gettonato per lo shopping a Milano è il cosiddetto Quadrilatero d’Oro. Vi sono vie con delle boutique stilose. Qui si possono trovare sia marchi estremamente lussuosi che quelli più economici. Alcuni dei grandi magazzini, sia all’interno che all’esterno, sembrano delle opere d’arte architettoniche, e nei negozi più cari il servizio clienti è molto elevato. Uno dei luoghi a Milano più fotografati dalle fashion blogger è la Galleria Vittorio Emanuele II. Sicuramente avrai visto qualche foto di questo posto.

Lo stile italiano

Scrivendo di Milano come capitale della moda, è impossibile non menzionare gli abitanti dell’Italia. Gli uomini qui sono famosi per i loro abiti perfettamente tagliati e le donne italiane per la loro capacità di combinare il sex appeal con l’eleganza. Un esempio di tale icona di stile è certamente Sophia Loren e Monica Bellucci.

Autore

Patrycja Stasiak

Seguo continuamente le tendenze delle passerelle. Mi ispiro allo stile di Victoria Beckham e Carrie Bradshaw. La mia scarpiera è strapiena di décolleté e tronchetti. La mia seconda passione, dopo la moda, è il make-up. Nella vita privata sono amante della natura e della bici.

Il testo originale dell'articolo è stato tradotto e adattato alla versione italiana del blog escarpe.it da Maja Sobon.

Questo sito utilizza i cookie per fornire i servizi di prima qualità. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire i servizi di prima qualità. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.

Chiudi